MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2017/2018
CORSO DI LAUREA TRIENNALE (N.O.) in 8751 SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (classe L-24 )

Scheda Informativa


Sede amministrativa:
GE
Classe delle lauree in:
Classe delle lauree in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (classe L-24)
Durata:
3 Anni
Indirizzo web:
http://www.disfor.unige.it/index.php?lang=it
Dipartimento:
Dipartimento di Scienze della Formazione

Requisiti per l'accesso e modalità d'ammissione


Per l'accesso alla laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche occorre essere in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo conseguito all'estero e riconosciuto idoneo ai sensi delle normative in vigore. Per coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quadriennale, è necessario che abbiano conseguito le opportune integrazioni previste dalla normativa vigente. Il corso di laurea è ad accesso programmato ed è quindi richiesto il superamento di un test di ingresso, che valuta il possesso di abilità generali come la comprensione di testi, la capacità di ragionamento logico su contenuti numerici e verbali e la comprensione della lingua inglese, tutti requisiti indispensabili per affrontare il percorso di studio previsto dalla laurea. Il regolamento didattico del corso di studio contiene l'indicazione delle conoscenze richieste e delle modalità mediante cui saranno attribuiti obblighi formativi aggiuntivi nel caso in cui la verifica non risulti positiva. Per l'accesso alla laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche occorre essere in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo conseguito all'estero e riconosciuto idoneo ai sensi delle normative in vigore. Per coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quadriennale, è necessario che abbiano conseguito le opportune integrazioni previste dalla normativa vigente. Il corso di laurea è ad accesso programmato ed è quindi richiesto il superamento di un test di ingresso, che valuta il possesso di abilità generali come la comprensione di testi, la capacità di ragionamento logico su contenuti numerici e verbali e la comprensione di un testo scientifico di lingua inglese, tutti requisiti indispensabili per affrontare il percorso di studio previsto dalla laurea. Il regolamento didattico del corso di studio contiene l'indicazione delle conoscenze richieste e delle modalità mediante cui saranno attribuiti obblighi formativi aggiuntivi nel caso in cui la verifica non risulti positiva. Si terrà conto inoltre del voto finale conseguito nella scuola secondaria di secondo grado, per una percentuale del punteggio finale definita ogni anno dal consiglio di corso di laurea. Il numero massimo di ammessi è, di norma, 180 più alcuni posti riservati ai cittadini non comunitari. Per coloro che venissero ammessi al Corso di laurea ottenendo un punteggio alla prova di ammissione inferiore a un minimo stabilito dalla Commissione d'esame, si prevede da parte del Consiglio di Corso di laurea un orientamento al recupero in specifiche aree di competenza, sulla base dei risultati ottenuti nella prova stessa, come riportato nel Regolamento didattico. Tutti gli studenti con titolo di studio conseguito all'estero saranno sottoposti a una specifica prova di conoscenza di lingua italiana. Il mancato superamento comporta l'attribuzione di obblighi formativi aggiuntivi.

Finalità e Obiettivi Formativi


Il percorso formativo del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche presenta una struttura didattica coerente con le indicazioni introdotte dal DM 270/04 e finalizzata, anche grazie alla consolidata tradizione di collaborazione con l'Ordine degli Psicologi della Liguria, a favorire l'inserimento dei laureati nel mondo del lavoro. Il Corso offre un percorso orientato alla formazione di tecnici psicologi di primo livello e con elevata preparazione di base, in grado di partecipare ad attività di ricerca empirica e sperimentale, e alla programmazione di interventi psicologici e psicosociali, di realizzare interventi psico-educativi per lo sviluppo delle potenzialità individuali e sociali e di utilizzare gli strumenti appresi (come, ad esempio, colloqui, strumenti psicometrici, osservazione, etc.) in ambito individuale, educativo e sociale con la supervisione di un iscritto all'Ordine degli Psicologi, Sezione A. In particolare, il corso fornisce competenze specifiche e tecniche spendibili negli ambiti professionali degli Intervistatori e rilevatori professionali (codifica ISTAT 3.3.1.3.2), Tecnici del reinserimento e dell'integrazione sociale (3.4.5.2.0), Tecnici dei servizi per l'impiego (3.4.5.3.0). Il laureato si configura come un tecnico psicologo con preparazione universitaria, contraddistinto da una solida preparazione nei settori della psicologia scolastica, dell'apprendimento, dei processi educativi, dell'inserimento scolastico delle persone disabili, della gestione delle risorse umane, dell'orientamento scolastico e professionale, della psicologia sociale, di comunità e della psicopatologia dello sviluppo. Inoltre, il percorso formativo di questa laurea, dando ampio spazio alle discipline di base e caratterizzanti, offre una preparazione ideale per la prosecuzione degli studi verso la laurea magistrale in Psicologia. I laureati nel Corso di Scienze e tecniche psicologiche devono acquisire: - adeguata conoscenze di base di tutti i settori disciplinari della psicologia; - adeguate conoscenze sulla metodologia della psicologia e della ricerca scientifica; - conoscenze teoriche e competenze operative e applicative di primo livello; - capacità di analisi e di contestualizzazione dei problemi in un'ottica interdisciplinare; - capacità di condurre interventi sul campo; - capacità di operare professionalmente nell'ambito dei servizi diretti alla persona, ai gruppi, alle organizzazioni e alle comunità; - adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione; - acquisizione di una buona conoscenza della lingua inglese. Il Corso di laurea è stato progettato seguendo i criteri stabiliti dal Progetto Europeo "Europsy" e dalla ex Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Psicologia (ora Consulta della Psicologia Accademica). Per raggiungere il numero complessivo di crediti in materie psicologiche e metodologiche richiesto da tale progetto (130 CFU), può essere opportuno che gli studenti che desiderano il riconoscimento europeo del proprio titolo, anche al fine di sviluppi occupazionali in altri Paesi europei, optino nella scelta dei crediti liberi per materie dei settori disciplinari di Psicologia (M-PSI). Nel primo anno viene data priorità all'acquisizione delle basi psicologiche, sociali, evolutive, filosofiche, pedagogiche, e neurofisiologiche della disciplina. Gli obiettivi formativi comprendono anche aspetti di carattere metodologico che sono propedeutici a quanto proposto negli anni seguenti. Nel secondo anno, oltre ad un consolidamento delle conoscenze di base, si acquisiscono competenze nel campo dei processi cognitivi e sociali, della psicologia dinamica, della disabilità, del lavoro e delle organizzazioni, dell'informatica, delle analisi statistiche e dello sviluppo, validazione, somministrazione e impiego dei test psicologici. Tali competenze sono finalizzate anche a favorire un più facile inserimento nel contesto sociale e culturale nel quale di trova ad operare lo psicologo. Nel terzo anno, lo studente ha la possibilità di approfondire le proprie conoscenze su tematiche caratterizzanti la professione di tecnico psicologo quali la psicologia di comunità, la psicopatologia, la psicofisiologia, l'attività clinica e l'intervento psicologico nei contesti educativi. Inoltre, durante tutto il percorso lo studente ha l'opportunità di svolgere attività di laboratorio e di stage sia interne che esterne al corso di laurea, durante le quali potrà applicare le conoscenze e le competenze acquisite e sviluppare ulteriori abilità, utili al completamento della propria preparazione. La prova finale completa il raggiungimento degli obiettivi formativi del corso, offrendo allo studente la possibilità di redigere un elaborato scritto, da discutere dinanzi apposita Commissione, su un argomento concordato col docente di un insegnamento sostenuto nel corso di studi. Tale elaborato può riguardare l'approfondimento di un particolare argomento o la partecipazione ad un'attività di ricerca.

Caratteristiche e modalità di svolgimento della prova finale


La prova finale consiste nella presentazione di un elaborato individuale in forma scritta, anche redatto in una lingua dell'Unione Europea diversa dall'italiano e scelta tra quelle impartite nell'ambito del Corso di Laurea. Lo studente deve dimostrare attraverso tale elaborato la raggiunta capacità di approfondire, guidato da un docente relatore , una tematica specifica tra quelle affrontate nei corsi o oggetto di esperienze pratiche o di tirocinio formativo. La prova finale è svolta dallo studente con la supervisione di un docente del Dipartimento di Scienze della Formazione o di un docente esterno che tengano un insegnamento nel Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e/o nel Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (classe LM-51). L'elaborazione della prova finale, per garantirne l'adeguatezza, dovrà essere avviata almeno cinque mesi prima della presunta data di consegna dell'elaborato al docente. Tale consegna dovrà avvenire almeno un mese prima della seduta di laurea. L'ammissione alla prova finale è comunque subordinata alla richiesta di assegnazione del relatore e contestuale deposito del titolo - a cura dello studente -almeno cinque (5) mesi prima della consegna dell'elaborato, secondo quanto è specificamente riportato nel Manifesto degli studi. L'elaborato sarà valutato da una commissione di laurea che esprimerà in centodecimi la valutazione complessiva. Tale commissione ha a disposizione un massimo di 6 punti da aggiungere alla media ponderata e arrotondata della carriera dello studente espressa in 110mi. Dei 6 punti, 1 viene assegnato d'ufficio se lo studente si laurea in corso, 1 se nel curriculum ha almeno 3 esami superati con il massimo dei voti e lode, 1 ulteriore punto può essere attribuito se nel curriculum sono presenti almeno 6 esami superati con il massimo dei voti e lode mentre i restanti 3 punti sono a disposizione della Commissione che li attribuirà in base alla valutazione dell'elaborato. Si considera in corso colui che presenta l'elaborato finale entro lo scadere del terzo anno accademico a partire dall'iscrizione, per la prima volta, al C.d.L. o, qualora abbia effettuato un periodo di studio all'estero, entro lo scadere del quarto anno accademico. La commissione per il conferimento del titolo è nominata dal Direttore del Dipartimento. Le modalità di presentazione e deposito del titolo provvisorio e della domanda definitiva di Laurea sono pubblicate sul sito del Dipartimento www.disfor.unige.it.

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati


Dottore in Scienze e Tecniche Psicologiche

Funzione in un contesto di lavoro

Il possesso della laurea nella classe 24 (Scienze e tecniche psicologiche), unita ad un tirocinio post-lauream consente l’ammissione all’esame di stato per l’iscrizione all’albo degli psicologi, limitatamente alla sezione B, con la qualifica di Dottore in Scienze e Tecniche psicologiche. Il profilo professionale coerentemente agli obiettivi formativi può essere così delineato: partecipa ad attività di ricerca empirica e sperimentale, partecipa alla programmazione di interventi psicologici e psicosociali; realizza interventi psico-educativi per lo sviluppo delle potenzialità individuali e sociali, utilizza gli strumenti appresi (colloquio, strumenti psicometrici, osservazione, ecc.) in ambito individuale, educativo e sociale con la supervisione di un iscritto all'Ordine degli Psicologi sezione A.

Competenze associate alla funzione

Il Dottore in Scienze e Tecniche Psicologiche ha competenze nei settori della psicologia scolastica, dell’apprendimento, dei processi educativi, dell’inserimento scolastico di persone disabili, della gestione delle risorse umane, della lettura di bisogni e dell'intervento in psicologia di comunità e della psicopatologia dello sviluppo.

Sbocchi professionali

Oltre a sviluppare le competenze scientifico e metodologiche di base utili per proseguire gli studi nei corsi magistrali in psicologia, la laurea triennale in scienze e tecniche psicologiche può fornire delle competenze scientifiche e tecniche spendibili negli ambiti professionali elencati nel riquadro seguente

Professioni a cui prepara il corso (codifiche ISTAT)


  1. Intervistatori e rilevatori professionali - (3.3.1.3.2)
  2. Tecnici del reinserimento e dell'integrazione sociale - (3.4.5.2.0)
  3. Tecnici dei servizi per l'impiego - (3.4.5.3.0)